CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Ronchi: casetta dell'acqua permette un risparmio di oltre 5mila chili di plastica annui

casetta acqua ronchi

Dati del 2017 evidenziano un grosso utilizzo da parte dei ronchesi

In un periodo di un anno la casetta dell’acqua in piazzale 8 marzo a Ronchi dei Legionari ha erogato 285.587 litri d’acqua, dei quali 185.709 frizzante e 99.878 naturale, per un totale di 190.391 bottiglie da un 1,5 litri. Risparmiati, in totale, 5.172 kg di plastica.
Una moda, quella di coprare l’acqua da case dell'acqua, che è in crescita, per ovvie ragioni di temperatura, nei mesi estivi, raggiungendo il suo picco ad agosto con 15.577 litri, 10.982 di acqua frizzante e 4.595 naturale. 10.385 le bottiglie erogate.

Tanti sono le motivazioni per approdigionarsi dell'acqua in questi erogatori, al primo posto per il rispetto nei confronti dell’ambiente, visto che viene riciclata la plastica già in circolazione, senza dimenticare il risparmio economico verso i cittadini.

Il metodo è semplice, si richiede una tessera ricaricabile, reperibile alla gelateria ‘Note di gelo’ di via 4 novembre, o pagando con le monete: due centesimi per l’acqua naturale, 4 per la frizzante per le bottiglie da mezzo litro, 3 e 7 centesimi per un litro e 4 e 10 per un litro e mezzo. L’acqua che arriva nella casetta proviene direttamente dall’acquedotto pubblico ed è filtrata a 0,2 micron e, nel caso si acquistasse quella frizzante, aggiunta all’anidride carbonica alimentare.

“Sono numeri che fanno piacere, numeri che stanno ad indicare quale sia la coscienza ecologica dei ronchesi che, accompagnato questo rito quotidiano, anche ad un notevole risparmio in termini economici. Ed anche questo fa bene alle famiglie” ricorda l’assessore Mauro Benvenuto, tra i promotori dell’iniziativa. Un impatto ambientale non da poco quello della struttura, che consente un risparmio di 220mila bottiglie all'anno, pari a 9 tonnellate di PET che equivalgono a mancate emissioni di 600 tonnellate di CO2 tra produzione, trasporto e smaltimento.

 

fonte: .ilfriuli.it